Crea sito

READING SEGUE NAVGEM E GEM , PRENDE TUTTA TALIA 23\02\2018

Buona serata a tutti voi,

Ennesima virata del modello EUROPEO che sta a delineare l impossibilità dei modelli ad inquadrare realmente quello che succederà … perché??

Semplice con un entrata cosi forte di aria continentale sotto forma di venti di burian i modelli vanno letteralmente in tilt, questo perché configurazioni simili non si registrano da decenni ormai!

Ecco che reading vede la colata artico continentale entrare più a sud delle ultime emissioni, con interessamento anche del sud Italia.

Ecco che da domenica sara BURIAN !!

Burian che che entrerà con violenza da domenica dalla porta della Bora, investendo con forza adriatiche fino alla puglia e anche il Nord Italia!

Possibili veri e propri blizzard di neve, impossibile dire le distribuzioni reali perché non sono vere e proprie perturbazioni ma bensì neve portata dal vento …neve polverosa con gelo intensissimo e crollo drastico delle temperature

Fenomeni  di blizzard saranno molto probabili su tutto il Nord e sull Emilia… altrove possibile neve continua e incessante sulle adriatiche per colpa di una continua alimentazione dell adriatico . complice l ADRIATIC EFFECT SNOW !

Attenzione perché anche sulle tirreniche vista l intensità del vento potrebbero esserci sconfinamenti importanti.

Al sud possibili nevicate fino sulle coste ad inizio evento come sulle isole maggiori principalmente a nord delle stesse.

Insomma situazione soggetta a variazioni come spesso accade con queste configurazioni.

Ecco che reading sforna una carta per metà settimana davvero imponente, che vedrebbe giovedì gran neve su tutto il Nord  ITALIA con temperature che si manterrebbero molto basse e con possibile continuazione anche per venerdi.

Insomma l ‘evento sarà importante e molto probabilmente si entrerà nella storia.

Ormai ci siamo… manca solo domani poi sapremo cosa accadrà.

Buona serata a tutti.voi…

Christian

CONDIVIDI
  • 160
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    160
    Shares
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •