Crea sito

RICORDIAMO IL GENNAIO 1985, E NEVICATA DEL SECOLO FU!

Buongiorno a tutti, passano gli anni ma i ricordi per chi l’ha vissuta sono indelebili.

Riviaviamo quei momenti dal mio paese di nascita.

Per l’Italia il gelo del 1985 è ricordato fra i tre più importanti episodi del ventesimo secolo.

L’inverno a dire il vero iniziò sotto tono con un dicembre sopra la media eccetto un po’ di freddo arrivato a cavallo del natale.

Il freddo, iniziò ad arrivare con i primi giorni di gennaio.

La nevicata che interessò la Pianura Padana fra il 13 e il 17 gennaio invece, a buona ragione può essere definita quella del secolo.

All’aeroporto militare  di Cameri (paese mio natale ) , dove l’anno era iniziato con una minima di -8,4 °C, la progressione fu impressionante: il 3 si era a -10,0 °C; il 4 a -11,8 °C; il 6 a -15,8 °C: un valore che batteva il record precedente, cioè il -15,4 °C del gennaio 1971.

Ma il grosso doveva ancora arrivare!

Per quanto drammatica tuttavia, la situazione era destinata ad aggravarsi: il 10 a Cameri si andava a -16,8 °C, l’11 a -17,0 °C. Nella serata di domenica 13 cominciava la grande nevicata: in 74 ore, su Novara cadevano 75 centimetri, a Cameri 90.

Abbiamo preso esempio della provincia di Novara, perché fu una delle più colpite in termini di gelo e nevicate nonché la, mia provincia di origine.

Ecco a voi la progressione del freddo in Italia che portò un inverno possiamo definirlo siderale su buona parte del paese .

Ora vedremo gli accumuli nevosi nelle principali città italiane in quel periodo.

Nei primi due giorni caddero 20 cm di neve a Genova, 30 cm a Verona e Venezia, 40 cm a Udine, Treviso e Padova, 55 cm Vicenza, 60 cm a Belluno, 62 cm a Varese e 65 cm a Como; la sera c’erano 70 cm a Milano e addirittura 130 cm a Trento, mentre l’alta Valtellina con Bormio (dove a fine mese si sarebbero svolti i mondiali di sci) non vedeva ancora un fiocco. Intanto era già iniziato il riscaldamento che aveva già portato piogge in Toscana e nel Veneto, ma la neve continuò a cadere in alcune zone anche il giorno successivo, portando l’accumulo totale a 100 cm a Milano, 110 cm a Como e Varese e  150 cm a Trento.

Fonte Wikipedia.

Il record assoluto di freddo comunque lo ebbe firenze con ben -22.7 gradi e Bologna con -21 tutta l Emilia ebbe temperature rigidissime in quel periodo.

Il tutto avvenne grazie all’alta pressione delle Azzorre che si innalzo’ fino l’Islanda, lasciando libero spazio ad una colata artica senza precedenti.

La storia si ripeterà ,i cicli climatici non sono un’ utopia ma una realtà.

 Perché avvenne la nevicata del secolo in pianura Padana?

Il freddo proprio dopo il giorno 13 aggiro’  le Alpi ed entrò in modo deciso dalla porta del rodano.

Qua si formò un poderoso minimo sul mar ligure che portò ingenti precipitazioni su tutta, la, pianura Padana.

Intanto in un secondo momento veniva richiamata aria più umida e temperata dall’  atlantico che non ha fatto altro che aumentare ancora di più l’intensità delle precipitazioni seppur con un aumento delle temperature in un secondo momento.

Il cuscinetto freddo padano ha fatto il resto… Insomma ha fatto la storia ..

Un saluto a tutti e buona giornata..

Christian