Crea sito

UN LOKDOWN SOTTO LA NEVE

C’e aria di chiusura.

Ancora una volta, e questa volta nel moento piu bello dell’anno.

Ci impediranno di stare fuori dopo una certa ora, a tavola non più di 6 persone e stavolta prendono le feste di Natale.

E come faremo allora?

Io penso che quest’anno come ricompensa per tutto , la neve verrà ad addolcire tutto.

Lo sento ne ho la percezione e poi la voglio.

Ne verrà tanta , ma cosi tanta da impedire a tutti di muoversi con  le macchine, cosi anche chi deve venire a controllare a casa non potrà uscire.

E allora sarà festa, usciremo tutti in cortile, nelle strade, in giardino sui balconi e guarderemo il cielo che divenuto bianco e grigio fioccherà per noi tutta la notte.


Preparemo l’albero di Natale con il sottofondo le musiche, quelle belle e intanto fuori sarà apoteosi nevosa.

Ci guarderemo lo stesso da lontano ma lo sfondo sarà più bello, perchè fuori i lampioni si illumineranno sotto una fitta nevicata.

Tutto torna , tutto si ripete.

1985 e ancora di più, chiusi nelle nostre vite ma nessuno potrà impedirci di aprire le braccia alla Dama Bianca..

Ci impediranno di stare vicini, di stare in piedi e creare assembramenti, ma non potranno mai impeditci di essere nello stesso momento, insieme fuori ovunque, un balcone, una strada, una finestra a guardare la neve che scende.

La neve scenderà e travolgera’ tutti , i credenti, i caldofili, i negazionisti e quelli che tifano per il lokdown. Ma lei metterà tutto a posto, perchè lei è pura e vera.

Chissà se davvero questo sarà l’anno in cui si decide come vivere.

Ci hanno tolto il domani, ma non l’oggi…..

Nevicherà su tutto e renderà tutto più sopportabvile.

Passeremo anche questa e torneremo a tiraci palle di neve, vicini, senza mascherina.

Spettacolare battaglia a palle di neve a Toronto- ZumaPress. Hundreds of University of Toronto students gather on the field at U of T’s King’s College Circle to participate in a campus- wide snowball fight . Vince Talotta/Toronto Star. LaPresse — Only Italy